donna che gode

I metodi migliori per far godere una donna

Conoscere la propria donna dal punto di vista sessuale è fondamentale per ogni rapporto che si rispetti, per ragioni di diverso tipo. Chiunque vuole avere una piena conoscenza di quella che è la persona che ci si ritrova di fronte, e per farlo c’è bisogno di conoscere tutti quelli che sono i segreti del corpo femminile, che permetteranno di capire come fare a far godere la propria donna nel modo migliore possibile, in maniera profonda e ho assolutamente unica. Far godere la propria donna non è assolutamente banale, dal momento che può portare soltanto a dei risultati positivi e che tendono a migliorare non soltanto la vita di coppia, ma anche ogni singolo rapporto sessuale e le sensazioni che sono provate da entrambi i sessi. Di conseguenza, in guardando a dei metodi pratici che possono essere utilizzati per far godere maggiormente la propria donna, ecco come fare nel dettaglio per ottenere il risultato sperato.

Perché far godere la propria donna è importante?

Come si può notare particolarmente su italianoxxx, il godimento di una donna è fondamentale non soltanto per il soddisfacimento che si trova all’interno di un rapporto sessuale, ma anche per tutte le altre dinamiche che sono connesse al primo. Se un rapporto sessuale si svolge nel migliore dei modi, innanzitutto ad essere rinforzata è la coppia, che riuscirà ad ottenere una maggiore complicità proprio perché a letto sa come agire nel migliore dei modi per un godimento massimo e avvenuto al meglio. 

Migliorare, dunque, il rapporto con la propria donna passa anche attraverso la volontà precisa di farla godere nel migliore dei modi, affinché lei stessa trovi il piacere In qualsiasi rapporto sessuale e sappia offrire quel piacere stesso anche al proprio partner. Ovviamente, ciò passa attraverso una serie di metodi e di pratiche che devono essere messi a punto da parte di chi decide di intraprendere un rapporto sessuale molto al godimento assoluto e massimo, anche attraverso una sana applicazione che non può assolutamente mancare. Di conseguenza, se si vuole far godere la propria donna al 100% in un qualsiasi rapporto sessuale, sarà fondamentale prendere in considerazione i consigli che seguono.

Utilizzare il metodo doggy style

Il primo consiglio che merita di essere preso in considerazione per far godere la propria donna è quello che porta ad utilizzare il metodo doggy style. Si tratta di un metodo conosciutissimo, e che molto spesso potrebbe essere contestato perché troppo maschilista, e degno di una volontà di predominio e di sottomissione che non si addice ad una cultura contemporanea. In realtà, al di là della retorica che c’è dietro quella che comunemente viene chiamata come pecorina, il metodo doggystyle è assolutamente apprezzato da parte delle donne che amano essere sottomesse durante il rapporto sessuale. Si tratta di una pratica che fa godere al massimo entrambi i sessi, durante un rapporto sessuale che non può fare a meno di questo stile di penetrazione, se il risultato che si vuole ambire è quello del godimento massimo. 

Come sottolinea una ricerca effettuata all’interno dell’Università di Stoccolma, su un campione di 500 donne con un’età compresa tra i 18 e i 45 anni, la maggior parte delle donne (il 75%) ambisce al cosiddetto doggy style durante un rapporto sessuale, per ottenere il godimento massimo e soprattutto per trovarsi nella migliore complicità possibile con il proprio partner. Insomma, non può esistere un rapporto sessuale basato sul godimento se l’uomo, ad un certo punto dello stesso, non prende da dietro la propria ragazza, facendola godere attraverso la penetrazione in doggy style.

Praticare cunnilingus

Se il metodo doggy style può non essere possibile per tutte le coppie, di sicuro si potrà far godere una donna, indipendentemente dal proprio sesso, attraverso l’utilizzo della bocca al fine di realizzare un cosiddetto cunnilingus. Si tratta di un altro metodo fondamentale che può causare il godimento massimo in una donna, specie durante un rapporto sessuale. La grande praticità di questo metodo, oltre che il grande vantaggio che questo metodo stesso offre, è quello di poter essere utilizzato sia durante il rapporto sessuale, sia prima dello stesso, durante la fase di quei naturali preliminari che tra partner non possono mai mancare. 

È fondamentale, da parte del partner in questione, imparare a leccare nel modo giusto la propria donna, in maniera intensa è mirata, al fine di offrirle il maggior godimento possibile e nel migliore dei modi. Per farlo al meglio, nonostante sia opportuno effettuare una naturale pratica che non può mai mancare, è necessario concentrarsi particolarmente sul clitoride, che rappresenta la zona di massimo godimento da parte delle donne, oltre che la parte più sensibile della vagina.

Un metodo molto interessante che potrebbe essere praticato per offrire il massimo condimento ad una donna è quello della tecnica dell’alfabeto, che porterà a leccare la vagina della propria donna muovendosi come per disegnare una A, poi una B, poi una C e così via. Questi movimenti, che avverranno secondo uno schema mentale piuttosto pratico, riusciranno ad offrire del godimento maggiore alle proprie donne. I gemiti della stessa saranno in grado di confermare questa tesi, e la donna non potrà che essere soddisfatta durante un rapporto sessuale.

padrona al telefono

Il bisogno di masochismo e sottomissione in alcuni uomini

Il piacere di godere per mano di una mistress è un desiderio sempre più frequente. BDSM, emozioni fetish, quel sogno profondo di essere dominati da una padrona esigente che non accetti nessun “NO”. Se è vero che il sadomasochismo ha sempre affascinato gran parte degli italiani, sono in tanti a non aver mai avuto la possibilità di dare concretezza a questa inclinazione. E in molti, sempre più spesso, si affidano a mistress al telefono.

Eccitarsi a distanza con una padrona al telefono

Il sesso telefonico è davvero una possibilità invitante per quegli uomini che sono stanchi dei rapporti tradizionali. Vale la pena ricordare che eccitarsi al telefono è una soluzione adatta a coloro che desiderano sperimentare un rapporto diverso dagli altri.

Ecco perché occorre precisare che grazie al sesso telefonico si possono raggiungere quegli obiettivi sessuali che troppo spesso finiscono per essere repressi a causa della timidezza o anche della mancanza di una partner adatta.
Vivere l’eccitazione a distanza permette non solo alle donne di fare ciò che desiderano, ma anche agli uomini di avere a che fare con delle persone che sono dei confessori del sesso. Si ha così la certezza di poter dare spazio a tutte le proprie fantasie sadomaso senza pensare a nulla. Non c’è pericolo di essere scoperti anche perché i numeri porno attuali sono differenti rispetto a quelli che nacquero qualche anno fa: nessuna spesa eccessiva sulla bolletta del telefono o di ricariche, e soprattutto nessuna traccia dei momenti di trasgressione. Senza dimenticare comunque che grazie al mondo del sesso telefonico si può arrivare all’orgasmo in modo semplice e rapido.

desiderio di dominazione

Divertirsi con la dominazione in modo alternativi

L’esperienza del sesso telefonico è indubbiamente qualcosa di appagante dal punto di vista sessuale e soprattutto si tratta di un momento molto divertente. Infatti grazie al sesso telefonico si può avere a che fare con donne che possono realmente diventare delle partner e delle complici a cui confessare ogni tipo di desiderio come le proprie perversioni di sottomissione e umiliazione. Il che fa capire perché i numeri porno sono diventati qualcosa di molto presente nella vita di tantissimi uomini che non vogliono certo sottostare alla monotonia o alla noia dei rapporti tradizionali.

Chi sceglie il mondo del sesso telefonico con una padrona opta per una possibilità fantasiosa e che permette di dare spazio a quelle voglie, anche le più represse. Spesso capita di dover sottostare a delle abitudini o anche di non avere coraggio di confessare i propri desideri intimi ai partner. Ecco perché il sesso al telefono permette davvero di vivere qualcosa di nuovo e divertente in cui vale la pena immergersi. Il sesso al telefono permette così di lanciarsi in esperienze del tutto nuove, fatte di pura trasgressione e che garantiscono l’orgasmo.

Come eccitarsi al telefono quando si cerca la sottomissione di una padrona

Indubbiamente al giorno d’oggi i numeri hot sono diventati alla portata di tutti gli uomini. Basti dare un’occhiata su alcuni dei principali siti web in tal senso e alle recensioni degli stessi: si possono notare utenti di ogni età che fanno uso regolare dei numeri erotici per eccitarsi e sperimentare il sesso telefonico.

La prima cosa che bisogna fare è quella di diffidare da siti dubbi o di scarsa qualità che potrebbero fornire numeri di telefono ad elevato costo e che non diano contatti con persone reali. Meglio optare per quelli che hanno il maggior numero di recensioni positive, oltre a considerare le persone con cui si può parlare. Il sesso telefonico d’altronde fa al caso di tutti gli uomini visto che possono trovare gusto in questa esperienza gli eterosessuali, ma anche gli omosessuali.

Motivo per cui ci si può immergere nella pura trasgressione con donne giovani, milf, BBW, e anche gay e trans. Un’ottima indicazione per chi si avvicina per la prima volta al mondo dei numeri porno è quella di lasciarsi andare e sconfiggere qualsiasi muro di timidezza. Per raggiungere il reale appagamento mediante il sesso al telefono è fondamentale sperimentare il gusto di sentirsi completamente liberi. !-->

Impotenza maschile

Tecnicamente parlando esistono due forme di impotenza maschile, l’impotenza coeundi e l’impotenza generandi, a seconda che si tratti di impossibilità di avere un rapporto sessuale o dell’impossibilità di procreare. Entrambi i casi hanno diverse origini a volte risolvibili e altre volte prive di soluzione.

Impotenza coeundi

È il caso in cui, secondo il sito dedicato http://vivodisesso.info/ alle guide sul sesso, mancando l’erezione, non si può avere un rapporto sessuale completo. L’origine può risiedere in un disturbo psicologico per cui la mancanza dello stimolo sessuale causa anche il non afflusso sanguigno nei corpi cavernosi, la mancata erezione del pene, rendendo così impossibile la penetrazione e il seguente atto sessuale.

Spesso di origine psicologica, l’impotenza coeundi è in realtà un disfunzione erettile e può essere causata da svariati fattori. Certo è che alcune cattive abitudini possono essere predisponenti, come fumo, alcol o uso di droghe. Anche l’assunzione di taluni farmaci può esserne fattore predisponente o scatenante.

Tra i motivi che possono determinare questa forma di impotenza troviamo soprattutto quelli di natura psicologica, neurologica e organica. Bisogna tenere presente che nella maggior parte dei casi si tratta di problemi psicologici legati allo stress. Alle volte si può parlare di ansia da prestazione e altre da fattori legati ad un senso di inadeguatezza sociale per cui di riflesso viene investita anche la sfera sessuale.

Se al mattino si verifica l’erezione spontanea e se è possibile portare a termine un atto masturbatorio, allora non siamo davanti ad un problema organico ma inequivocabilmente di natura psicologica. A questo si potrà porre rimedio con un’adeguata terapia comportamentale e di educazione alla propria sessualità. Rimedi oggi molto usati per rimediare ad una sessualità ridotta sono anche dei presidi farmaceutici utili a favorire l’afflusso sanguigno e dai ridotti effetti collaterali come il viagra, il cyalis o altri simili che garantiscono, in assenza di problemi organici, la possibilità diottenere un’erezione prolungata.

Impotenza generandi

Si ha quando, nonostante l’atto sessuale sia completo e possibile, tuttavia da questo non sia possibile generare prole alcuna. Alle volte, a parte la presenza o meno del rapporto sessuale, può verificarsi la cosiddetta “azoospermia” ovvero la mancanza di spermatozoi nel liquido seminale. Per questo motivo sarà impossibile generare dei figli dai rapporti.
Considerato che l’origine di questo problema è da ascriversi a una disfunzione dell’apparato urogenitale, pare opportuno procedere ad una verifica tramite uno spermiogramma, test che rivelerà la presenza o meno di spermatozoi attivi nel liquido seminale.

In caso di volontà di procreare in ogni caso si potrebbe ricorrere ad un prelievo direttamente dai testicoli, per poi procedere all’inseminazione in vitro dell’ovulo della partner.
Alle volte l’insorgenza del disturbo sopra citato è dovuta da un disturbo spesso sottovalutato detto varicocele, che causa interruzione all’interno dei dotti spermatici e di conseguenza mancato afflusso degli spermatozoi nel liquido, rendendolo così inattivo ai fini procreativi. Su questo problema si può intervenire con un intervento chirurgico ormai diventato di routine. !-->