Prima esperienza sessuale

Prima esperienza sessuale della mia vita con una cicciona

Prima esperienza sessuale grazie ad una donna cicciona

E’ grazie a questa categoria di femmine che riuscii ad avere la mia prima esperienza sessuale, e così le donne ciccioni divennero la mia passione.

Ricordo che avevo diciannove anni e tutti i miei amici avevano già avuto rapporti sessuali con delle ragazze, spesso con quelle con un fisico flessuoso, da modella.

Al contrario io ero l’unico a non aver ancora avuto la prima esperienza sessuale.

Ma bensì fossi anche io preso da una decisa eccitazione verso quei corpi ben fatti non riuscivo ad oltrepassare la mia timidezza.

Di questo non sapevo quale fosse il problema, avevo una sorta di timore nel rivolgermi a loro così perfette.

Durante quell’estate del diploma, una mattina, mentre eravamo al mare, vidi una ragazza che attirò la mia attenzione.

Non aveva certo un fisico perfetto ma in quel momento mi attirò decisamente mentre usciva dall’acqua.

Le gocce sulla pelle che sembravano farla risplendere, e i capelli neri le che le si erano appiccicati sulla schiena.

Ma non erano state tutte queste cose ad attirare la mia attenzione.

Guardavo le sue gambe, il suo culo e trattenevo a stento la salivazione eccessiva.

Feci qualsiasi cosa per conoscerla e alla fine ci riuscii.

 

 

Erika la mia prima donna

Purtroppo quella fu solo la mia prima esperienza sessuale con una donna e così finì presto per questo e io dovetti nuovamente cercare qualcosa che mi sconvolgesse i sensi: stavolta però sapevo cosa mi attizzasse e sapevo dove puntare.

All’università conobbi Erika, una ragazza che ci faceva da tutor:

anche lei apparteneva alla categoria che preferivo, quella delle donne grasse o curvy e non potevo lasciarmela sfuggire.
Incominciai a recarmi da lei sempre più spesso e piano piano prendemmo confidenza finché una sera, quando eravamo ormai rimasti soli nell’edificio, con il massimo dell’audacia mi avvicina e le posai una mano sulla coscia.

Lei mi guardò stupita ma dalla respirazione e dal fatto che non mi avesse bloccato, capii che voleva anche lei quel che volevo io.

Incominciai a sbottonarle la camicetta e, mentre ci baciavamo feci correre le mie mani ovunque sul suo corpo giunonico, cosa che mi estasiava completamente.

Avevo una delle erezioni più potenti che riesco a ricordare e scopammo per ore tra la scrivania, le poltroncine dello studio e a ridosso delle pareti.

 

La mia passione per le donne grasse

Capite e risolte le mie difficoltà legate alle donne, non c’era più nulla ad intromettersi tra me e il piacere.

In realtà quella prima esperienza sessuale con una donna grassa cambio la mia vita e da allora le donne grasse erano diventate la mia passione ed io ero diventato un esperto nell’approcciarle.

Queste ragazze erano spesso inconsapevoli del loro fascino, soprattutto di quello che esercitavano su di me, così le lusingavo e le riempivo di complimenti per arrivare al mio scopo.

Amavo fare sesso con loro ma ad un certo punto trovai pane per i miei denti e conobbi Roberta: lei era la direttrice di un particolare locale di spogliarelliste ed era abituata a trattare gli uomini col pugno di ferro.

Sapevo che non mi sarebbero bastati i complimenti perciò facevo in modo di trovarmi sempre vicino a Roberta e di ignorare palesemente le ragazze che si esibivano per poi fare il galante con lei.

Riuscii in quell’impresa e scoprii che Roberta adorava fare la mistress, le piaceva farmi scattare ad ogni suo ordine e punirmi selvaggiamente con la sola ricompensa di farsi guardare nuda.

Lei era consapevole del suo fascino nei miei confronti e lo sapeva usare: per questo mi innamorai perdutamente e la nostra storia durò moltissimo tempo. !-->

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *